Passengers alla galleria THE FLAT Massimo Carasi | Recensione di Andrea Lacarpia

Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)

Passengers alla galleria THE FLAT Massimo Carasi

Recensione di Andrea Lacarpia

 

La mostra collettiva Passengers, curata da Claudia Contu alla galleria THE FLAT – Massimo Carasi, riunisce le opere di cinque artisti italiani nati tra il 1982 e il 1990, concentrandosi sul ruolo delle opere d’arte in un’epoca in cui le immagini appaiono senza sosta in ogni luogo.

Se l’orizzonte visivo della contemporaneità è formato da un bombardamento di stimoli visivi consueti, che lasciano indifferenti perché già noti, nell’opera d’arte l’immagine diviene incompleta, stimolando una fruizione attiva. Il processo di ricostruzione dell’immagine va ad attivare un rapporto empatico tra opera e osservatore, superando l’indifferenza con cui le immagini scorrono nella quotidianità.

Tra dipinti e sculture, l’ampio spazio della galleria è allestito in modo equilibrato ed organico.

Nelle sculture di Domenico Laterza, grandi masse di volantini pubblicitari sono incolonnate e disposte in modo da creare una presenza scultorea sempre diversa, dall’andamento sinuoso, andando a formare un’immagine dal cromatismo imprevedibile. Anche in Cosimo Casoni l’esperienza visiva della quotidianità viene assorbita e ricomposta in una dimensione astratta, in dipinti che accolgono un universo segnico eterogeneo e vitale. Andrea Carpita riflette sulla lettura del volto riducendo all’essenziale i riferimenti figurativi in ritratti formati da linee e punti minimi, in dipinti che sembrano trasformare l’immagine in rebus o mappa celeste. Nelle opere di Marco Strappato, compaiono frammenti ricomposti in immagini dalla bellezza ambigua, in cui il riferimento figurativo è parzialmente occultato per proiettare in una dimensione indefinita tra natura e rappresentazione mentale. I temi dell’infinito e del cosmo sono sviluppati da Eracle Dartizio in sculture di metallo che ricalcano la forma di pozzanghere, disposte in costellazioni che sembrano formare un inedito alfabeto visivo.

Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers – THE FLAT – Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers – THE FLAT – Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers – THE FLAT – Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers – THE FLAT – Massimo Carasi (foto ARMELLIN F.)
Passengers - THE FLAT - Massimo Carasi, opere di Marco Strappato (foto ARMELLIN F.)
Passengers – THE FLAT – Massimo Carasi, opere di Marco Strappato (foto ARMELLIN F.)

 

Passengers

Andrea Carpita, Cosimo Casoni, Eracle Dartizio, Domenico Laterza, Marco Strappato

A cura di Claudia Contu

Fino al 18 marzo 2017

The Flat -Massimo Carasi, Via Poalo Frisi 3 Milano

Dal martedì al sabato ore 14.30 – 19.30 o su appuntamento

[email protected]

www.carasi.it